Cerca
logo cinque gusti
Il direttore artistico Antonio Corbisiero parla dell'autrice Maria Rosaria Franco

Ieri sera ho avuto il piacere di partecipare come direttore di Cinque gusti al quarto appuntamento della rassegna letteraria Book Wine and Food, organizzata dal direttore artistico e giornalista del Mattino, Antonio Corbisiero.

L’evento, tenutosi nell’incantevole azienda agricola Ca Stelle, ha celebrato la presentazione di “Ouroboros, la città sepolta”, l’ultima opera della stimata scrittrice e poetessa telesina Maria Rosaria Franco.

 

Il libro un giallo intriso di esoterismo e passione

La trama del libro, incentrata su un’avventura misteriosa e affascinante, si esprime in un mix di suspense, storia e misticismo, coinvolgendo il lettore in un viaggio tra enigmi storici e scoperte sorprendenti.

La trama si concentra su un’avventura misteriosa e intrigante, in cui i protagonisti si imbattono in antichi segreti e misteri sepolti sotto una città il tutto condito anche da una storia d’amore che fa da contorno.

Il libro combina elementi di suspense, storia e misticismo, portando il lettore in un viaggio attraverso enigmi storici e rivelazioni sorprendenti.

Ouroburos la città sepolta è in vendita anche on line sui migliori portali tra cui Amazon

L'autrice Maria Rosaria Franco

autrice maria rosaria franco legge qualche passaggio di ouroburos

Il corpus letterario di Maria Rosaria Franco varia dal romanzo alla poesia, esplorando tematiche profonde con un mix di elementi culturali, storici e personali.

I suoi lavori riflettono la versatilità e la profondità della sua scrittura, capace di toccare diversi generi e stili letterari con maestria.

Ha prodotto una gamma diversificata di opere, che spaziano dal romanzo alla poesia.

I suoi libri precedenti spesso esplorano temi profondi, mescolando elementi culturali, storici e personali.

Le sue poesie, che ho avuto il piacere di leggere nella raccolta l’Incantesimo della Luna che l’autrice mi ha gentilmente regalato, spiccano per il loro stile emotivo e riflessivo, spesso incentrate su temi come l’amore, la natura e la condizione umana.

Questi lavori riflettono la versatilità di Maria Rosaria Franco come scrittrice e la sua capacità di esplorare diversi generi e stili letterari.

Il Menù dello Chef Ubaldo Pucillo

Marco Ilardi ed Ubaldo Pucillo in cucina

L’executive chef Ubaldo Pucillo ha incantato ancora una volta gli ospiti con un menù che non solo esalta la narrativa di “Ouroboros, la città sepolta”, ma trasforma ogni piatto in un’esperienza sensoriale che parla al cuore e al palato.

Ubaldo si diverte a nascondere gli ingredienti a cambiarne le consistenze, rispettando sempre la materia prima ed il territorio.

Primo Piatto: Il Fagiolo della Regina - Un Legame con la Storia

fagioli della regina crema in cialda

I “fagioli della Regina” non sono solo un tributo al gusto, ma anche un viaggio nella storia. L’abbinamento di questi fagioli con ingredienti locali crea un equilibrio gustativo che rievoca la ricchezza culturale del territorio, sottolineando l’importanza di ingredienti semplici ma carichi di significato.

Intermezzo: Da Zucca a Pomodoro Vernino - Un Viaggio nei Sapori

cappellacci fatti a mano ripieni di zucca e falanghina

L’abbinamento dei cappellacci di zucca col pomodoro vernino è un vero capolavoro.

La dolcezza della zucca si sposa perfettamente con la vivacità del pomodoro, creando un contrasto che delizia il palato e racconta la storia di Castelvenere attraverso i sapori.

Piatto Principale: Armonia di Maiale e Melannurca

brasato di maiale alla falanghina

Questo piatto rappresenta un perfetto bilanciamento tra tradizione e innovazione. L’unione del maiale con la Melannurca crea un’armonia di sapori che è sia confortante che sorprendente, con ogni boccone che esalta le qualità uniche di entrambi gli ingredienti.

I vini dell'azienda agricola Ca' stelle

I piatti sono stati accompagnati dai buonissimi vini della azienda agricola Ca’stelle di Castelvenere.

Abbiamo degustato ottimi bianchi e rossi. Eco il dettaglio per le singole portate:

Entrée: “Syrio” Spumante Brut di Falanghina CA’STELLE
Antipasto: “Wino white” Igp Beneventano Bianco CA’STELLE con Fagioli della regina arreganati
Primo: “Cassyopea” Falanghina del Sannio CA’STELLE con Cappellacci alla zucca
Secondo: “Oryon” Sannio Aglianico DOP CA’STELLE con Brasato di maiale alla Falanghina
Dessert: “Omyga” Beneventano Falanghina Passito IGP CA’STELLE

 

La Visita alle Cantine di Ca Stelle e la Sorpresa Finale

A fine serata siamo stati tutti invitati ad una visita alle cantine dell’azienda agricola Ca’stelle dove ci attendeva una sorpresa finale.

La degustazione del Guanto Caleno, un dolce settecentesco, è stata un vero tuffo nella storia culinaria. La sua dolcezza è stata esaltata dal passito di Falanghina, un abbinamento che ha concluso la serata in modo sublime, lasciando i partecipanti con un ricordo indelebile di questa magica serata a Castelvenere.

Contenuti riservati a Cinque gusti