Cerca
logo cinque gusti

Cibi ultraprocessati: fanno male al cervello

cibi ultraprocessati male al cervello cinque gusti food magazine
Di cosa parla questo articolo

I cibi ultraprocessati come la pizza surgelata e i pasti pronti rendono le nostre vite frenetiche molto più facili. Inoltre, sono dannatamente gustosi: chi non è sensibile a hot dog, salsicce, hamburger, patatine fritte, bibite, biscotti, torte, caramelle, ciambelle e gelati?

Secondo un nuovo studio, se più del 20% del tuo apporto calorico giornaliero è costituito da alimenti ultraprocessati, potresti aumentare il rischio di declino cognitivo. Tale importo equivarrebbe a circa 400 calorie al giorno in una dieta da 2.000 calorie al giorno. Per fare un confronto, un piccolo ordine di patatine fritte e un normale cheeseburger da McDonald’s contiene un totale di 530 calorie.

Sempre secondo lo studio in questione, la parte del cervello coinvolta nel funzionamento esecutivo – la capacità di elaborare le informazioni e prendere decisioni – è particolarmente colpita.

“Sebbene questo sia uno studio di associazione, non progettato per dimostrare causa ed effetto, ci sono molti elementi validi per rafforzare l’affermazione secondo cui una certa accelerazione nel decadimento cognitivo può essere attribuita agli alimenti ultraprocessati”, ha affermato il dott. David Katz, specialista in medicina preventiva e dello stile di vita e nutrizione.

“La dimensione del campione è notevole e il follow-up esteso. Anche se a corto di prove, questo è abbastanza solido da farci concludere che i cibi ultraprocessati sono probabilmente dannosi per il nostro cervello.”

 

Non si tratta solo di calorie

Lo studio, presentato alla conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer del 2022 a San Diego, ha seguito oltre 10.000 brasiliani per un massimo di 10 anni. Poco più della metà dei partecipanti allo studio erano donne, bianche o con istruzione universitaria, mentre l’età media era di 51 anni.

I test cognitivi, che includevano il richiamo immediato e ritardato delle parole, il riconoscimento delle parole e la fluidità verbale, sono stati eseguiti all’inizio e alla fine dello studio e ai partecipanti è stato chiesto della loro dieta.

“In Brasile, gli alimenti ultraprocessati costituiscono dal 25% al ​​30% dell’apporto calorico totale. Abbiamo McDonald’s, Burger King e mangiamo molto cioccolato e pane bianco. Non è molto diverso, purtroppo, da molti altri paesi occidentali”, ha affermato la coautrice Dr. Claudia Suemoto, assistente professore nella divisione di geriatria presso la Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo.

“Il cinquantotto percento delle calorie consumate dai cittadini degli Stati Uniti, il 56,8% delle calorie consumate dai cittadini britannici e il 48% delle calorie consumate dai canadesi provengono da alimenti ultraprocessati”, ha affermato Suemoto.

Gli alimenti ultraprocessati sono definiti come “formulazioni industriali di sostanze alimentari (oli, grassi, zuccheri, amido e isolati proteici) che contengono pochi o nessun cibo intero e tipicamente includono aromi, coloranti, emulsionanti e altri additivi cosmetici”, secondo lo studio .

“Le persone che hanno consumato più del 20% delle calorie giornaliere da alimenti trasformati hanno avuto un declino più rapido del 28% nella cognizione globale e un declino più rapido del 25% nelle funzioni esecutive rispetto alle persone che hanno mangiato meno del 20%”, ha affermato la coautrice dello studio Natalia Gonçalves, una ricercatore presso il dipartimento di patologia della Facoltà di Medicina dell’Università di São Paulo.

 

Allerta non solo per il cervello

Oltre all’impatto sulla cognizione, è già noto che gli alimenti ultraprocessati aumentano il rischio di obesità , problemi cardiaci e circolatori , diabete , cancro e una durata di vita più breve .

“Gli alimenti ultraprocessati in generale fanno male a ogni parte di noi”, ha affermato Katz, presidente e fondatore della True Health Initiative senza scopo di lucro , una coalizione globale di esperti dedicata alla medicina dello stile di vita basata sull’evidenza.

Gli alimenti ultraprocessati sono generalmente ricchi di zuccheri, sale e grassi, che promuovono tutti l’infiammazione in tutto il corpo, che è “forse la più grande minaccia per un invecchiamento sano nel corpo e nel cervello”, ha affermato il dott. Rudy Tanzi, professore di neurologia ad Harvard Medical School e direttore dell’unità di ricerca genetica e invecchiamento presso il Massachusetts General Hospital di Boston.

Insomma, se includi cibi ultraprocessati nella tua dieta, prova a contrastarli mangiando anche cibi integrali di alta qualità come frutta, verdura e cereali integrali.

“Un modo semplice per garantire la qualità della dieta è cucinare e preparare il cibo da zero”, ha affermato Suemoto.

“Ne vale la pena trovare il giusto tempo per cucinare i propri pasti perché ti permetterà di proteggere il tuo cuore e il tuo cervello dalla demenza o dal morbo di Alzheimer”, ha concluso.

 

cuochipedia enciclopedia degli chef
Cuochipedia è il primo social dedicato esclusivamente ai cuochi ai pasticcieri e ai pizzaioli per promuovere i propri prodotti

Clicca qui per iscriverti
marco ilardi direttore artistico rassegna letteraria book wine and food
Rassegna letteraria Book Wine and food direttore artistico Marco Ilardi
marco ilardi direttore cinque gusti giudice campionati italiani di pizza doc
Marco Ilardi direttore di Cinque gusti giudice dal 2021 dei campionati mondiali di pizza DOC
marco ilardi autore la spunta blu
Leggi La spunta blu il nuovo libro di Marco Ilardi
marco ilardi autore del libro digital food
Leggi Digital food il libro del direttore Marco Ilardi con nuove idee tecnologiche per tutti gli addetti del settore Horeca
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
marco ilardi premio cinque stelle oro cucina italiana associazione italiana cuochi
Il nostro direttore Marco Ilardi premio cinque stelle d'oro della cucina italiana 2023 della Associazione Italiana Cuochi
microkast il podcast di marco ilardi
Segui MicroKast il podcast di Marco Ilardi su food marketing e tecnologia
Potrebbe interessarti anche
Contenuti riservati a Cinque gusti