Cerca
logo cinque gusti

Rimedi per abbassare i livelli di caffeina nel sangue

Di cosa parla questo articolo

La caffeina è una sostanza naturale, un alcaloide, che si trova in vari semi, foglie e frutti di alcune piante, tra cui il caffè, il tè, il cacao e alcuni tipi di piante da cui si estrae la cola. È una delle sostanze psicoattive più consumate al mondo e agisce come stimolante del sistema nervoso centrale.

La caffeina agisce bloccando l’adenosina, un neurotrasmettitore che promuove il rilassamento. Questo processo comporta un aumento della produzione di altri neurotrasmettitori come l’adrenalina, la dopamina e la noradrenalina, che possono aumentare la vigilanza, l’attenzione e la concentrazione.

È ampiamente utilizzata per combattere la stanchezza e per migliorare lo stato di veglia, motivo per cui è presente in molte bevande come caffè, tè, cola e bevande energetiche.

Le dosi di caffeina possono variare a seconda del tipo di bevanda o alimento consumato. Ad esempio, una tazza di caffè può contenere da 70 a 140 milligrammi di caffeina, mentre una tazza di tè può variare da 15 a 70 milligrammi, a seconda della tipologia e del tempo di infusione.

Se consumata con moderazione, la caffeina può offrire alcuni benefici, come migliorare l’umore e aumentare la concentrazione. Tuttavia, in dosi eccessive, può causare effetti collaterali come nervosismo, ansia, tremori, insonnia e aumentare la frequenza cardiaca.

A tutti, almeno una volta, sarà capitato di eccedere con le tazzine di caffè ritrovandosi anche in tarda mattinata o nel primo pomeriggio a fare i conti con i numerosi effetti collaterali della caffeina. Come fare, allora, per abbassarne i livelli nel sangue quando esageriamo senza accorgercene?

Eccesso di caffeina: i rischi

L’eccesso di caffeina può comportare diversi rischi per la salute a breve e lungo termine. Ecco alcuni dei principali:

  • Disturbi del sonno: l’assunzione eccessiva di caffeina può compromettere la qualità del sonno, causando insonnia, difficoltà nel dormire e interruzioni del sonno.
  • Aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna: la caffeina può stimolare il sistema nervoso centrale, aumentando la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Questo può essere problematico per chi ha problemi cardiaci o pressione alta.
  • Effetti sul sistema nervoso: in dosi elevate, la caffeina può causare nervosismo, ansia, irritabilità, tremori e nervosismo e può agire da trigger per attacchi di panico in persone predisposte.
  • Dipendenza e tolleranza: l’uso eccessivo e continuativo di caffeina può portare a una dipendenza psicologica e a una crescente tolleranza, richiedendo dosi più elevate per ottenere gli stessi effetti.
  • Disturbi gastrici: la caffeina può irritare lo stomaco e aumentare la produzione di acido gastrico, causando disturbi come bruciore di stomaco, acidità e disturbi intestinali.
  • Effetti sulla salute mentale: il consumo eccessivo di caffeina può influire negativamente sulla salute mentale, aumentando l’ansia, l’irritabilità e la difficoltà nella gestione dello stress.

È importante moderare il consumo di caffeina e considerare i propri limiti individuali di tolleranza. Se si sperimentano effetti collaterali negativi o si hanno condizioni preesistenti, è consigliabile limitare l’assunzione di caffeina e consultare un medico per consigli specifici sulla propria salute e sul consumo di caffeina.

Le principali fonti di caffeina

A differenza di quanti molti credono, la caffeina non si trova solo nel celebre caffè. Ecco l’elenco delle principali fonti da cui traiamo caffeina, talvolta in eccesso:

  • Caffè: le quantità di caffeina possono variare a seconda del tipo di caffè e del metodo di preparazione. In genere, una tazza di caffè può contenere da 80 a 100 milligrammi di caffeina, ma questa quantità può variare.
  • Tè: anche il tè contiene caffeina, sebbene in quantità inferiori rispetto al caffè. La quantità può variare notevolmente in base al tipo di tè e al tempo di infusione. Il tè nero, ad esempio, tende ad avere più caffeina rispetto al tè verde.
  • Bibite a base di cola: le bevande gassate contenenti estratto di cola o ingredienti simili possono contenere caffeina. La quantità può variare, ma in genere una lattina di bibita cola contiene circa 30-40 milligrammi di caffeina.
  • Cioccolato: il cioccolato contiene una piccola quantità di caffeina, anche se la quantità può variare a seconda del tipo di cioccolato. Il cioccolato fondente tende a contenere più caffeina rispetto al cioccolato al latte.
  • Bevande energetiche: queste bevande spesso contengono caffeina, oltre ad altri ingredienti stimolanti. Le quantità possono variare considerevolmente tra le diverse marche.
  • Integratori: alcuni integratori alimentari o pillole dimagranti possono contenere caffeina come componente per aumentare il metabolismo o fornire energia.

È importante considerare che la sensibilità alla caffeina varia da persona a persona. Alcune persone possono tollerare maggiori quantità senza manifestare effetti collaterali, mentre altre potrebbero essere più sensibili e riscontrare sintomi negativi con dosi minori.

Consigli per ridurre i livelli di caffeina nel sangue

Questi metodi possono aiutare a mitigare alcuni sintomi legati all’assunzione eccessiva di caffeina, ma non accelereranno significativamente il processo di eliminazione. La principale via per ridurre i livelli di caffeina nel corpo è semplicemente aspettare che venga metabolizzata ed eliminata naturalmente dal sistema. In ogni caso, adottare uno o più dei seguenti suggerimenti, ti aiuterà ad accelerare la metabolizzazione:

  • Idratazione: bere molta acqua può aiutare a diluire la concentrazione di caffeina nel sangue e accelerare la sua eliminazione attraverso l’urina.
  • Alimentazione ricca di fibre: consumare alimenti ad alto contenuto di fibre, come frutta, verdura e cereali integrali, può favorire la digestione e l’assorbimento dei nutrienti, contribuendo anche al processo di eliminazione della caffeina.
  • Attività fisica ad alta intensità: fare attività fisica può aiutare a bruciare energia e ad accelerare il metabolismo, favorendo quindi l’eliminazione più rapida della caffeina dal corpo. Distogliere l’attenzione da situazioni stressanti o impegnative può contribuire a ridurre la percezione degli effetti della caffeina, permettendo al corpo di gestire meglio il suo metabolismo.
  • Consumo di cibi ricchi di potassio: alcuni cibi ricchi di potassio, come banane, patate dolci, fagioli e avocado, possono aiutare a regolare i livelli di liquidi nel corpo e favorire il corretto funzionamento renale, contribuendo indirettamente all’eliminazione della caffeina.

Bere caffè a stomaco vuoto fa male: perché?

Il caffè è un bevanda acida e può stimolare la produzione di acido gastrico nello stomaco. A stomaco vuoto, questo aumento dell’acidità potrebbe causare sensazioni di bruciore o irritazione gastrica. La caffeina può avere un effetto irritante sulla mucosa gastrica. A stomaco vuoto, questo effetto irritante può essere più pronunciato, portando a sensazioni di disagio. Molte persone sperimentano sensazioni di nausea o malessere bevendo caffè a stomaco vuoto, probabilmente a causa dell’irritazione dello stomaco o dell’aumento dell’acidità.

Per evitare questi potenziali effetti negativi, è consigliabile mangiare qualcosa prima di bere caffè al mattino in modo da ridurre la sensazione di disagio o di irritazione gastrica.

Caffeina e cosmetica

Una particolare curiosità sulla caffeina riguarda il mondo della cosmetica. Infatti, questo è uno degli ingredienti più utilizzati in tutti i prodotti cosmetici volti a drenare, ridurre la cellulite e modellare il corpo. In particolare, la caffeina è utile per:

  • Drenaggio dei liquidi: è considerata un diuretico, e alcuni ritengono che possa aiutare a ridurre temporaneamente il gonfiore e l’accumulo di liquidi nella zona in cui viene applicata.
  • Stimolazione della circolazione: aumenta temporaneamente la circolazione sanguigna nella zona in cui viene applicata, offrendo un aspetto più tonico e levigato.
  • Effetti tonificanti: è spesso presente in creme anti-cellulite in quanto si pensa possa aiutare a migliorare temporaneamente l’aspetto della pelle affetta da cellulite.

Prima di utilizzare creme o prodotti contenenti caffeina per scopi dimagranti, ti consigliamo di consultare un professionista per valutare attentamente gli effetti sul tuo corpo.

cuochipedia enciclopedia degli chef
Cuochipedia è il primo social dedicato esclusivamente ai cuochi ai pasticcieri e ai pizzaioli per promuovere i propri prodotti

Clicca qui per iscriverti
marco ilardi direttore artistico rassegna letteraria book wine and food
Rassegna letteraria Book Wine and food direttore artistico Marco Ilardi
marco ilardi direttore cinque gusti giudice campionati italiani di pizza doc
Marco Ilardi direttore di Cinque gusti giudice dal 2021 dei campionati mondiali di pizza DOC
marco ilardi autore la spunta blu
Leggi La spunta blu il nuovo libro di Marco Ilardi
marco ilardi autore del libro digital food
Leggi Digital food il libro del direttore Marco Ilardi con nuove idee tecnologiche per tutti gli addetti del settore Horeca
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
marco ilardi premio cinque stelle oro cucina italiana associazione italiana cuochi
Il nostro direttore Marco Ilardi premio cinque stelle d'oro della cucina italiana 2023 della Associazione Italiana Cuochi
microkast il podcast di marco ilardi
Segui MicroKast il podcast di Marco Ilardi su food marketing e tecnologia
Potrebbe interessarti anche
Contenuti riservati a Cinque gusti