Cerca
logo cinque gusti

La storia della quinta edizione di Insieme per il dormitorio

Come previsto martedì 31 gennaio si è tenuto a Brusciano nei pressi della chiesa di San Sebastiano martire, l’evento benefico Insieme per il dormitorio, ormai alla quinta edizione, organizzato dal parroco Don Salvatore Purcaro, coadiuvato dagli chef Tommaso Foglia e Gennaro Lancellotti.

L’evento innanzitutto devo dire che è riuscito benissimo: ottima la macchina organizzativa, belle ed interessanti le proposte degli chef e alta la partecipazione del pubblico oltre che della stampa.

Noi addetti ai lavori abbiamo avuto la possibilità di visitare in anticipo gli stand e quindi di poter provare i piatti dei vari chef e ristoranti con molta tranquillità.

Nella maggior parte dei casi si è trattato di finger food e monoporzioni, ma scelta azzeccata per poter assaggiare tante cose senza abboffarsi.

Vediamo in dettaglio cosa hanno proposto i vari ristoratori presenti alla manifestazione. Ovviamente le proposte erano tante, vi riporto solo quelle che mi hanno particolarmente colpito.

I piatti migliori degli chef presenti all’evento Insieme per il dormitorio

san giuseppe salt angela desposito
san giuseppe salt angela desposito

 
mont blanc rivisitato ciro maiorano pastry chef
mont blanc rivisitato ciro maiorano pastry chef
tulipe di brise ristorante la locandiera serino
tulipe di brise ristorante la locandiera serino
polpo e polipo di luca fattoruso
polpo e polipo di luca fattoruso
mini mazzancollaroll mamma elena restaurant
mini mazzancollaroll mamma elena restaurant
il mare in un boccone vincenzo ferro Country House lAntica Fraconia
il mare in un boccone vincenzo ferro Country House lAntica Fraconia
come una pasta e fagioli ristorante corbezzoli
come una pasta e fagioli ristorante corbezzoli
come una fresella destino ristorante espressioni rurali
come una fresella destino ristorante espressioni rurali
bauletto di scarole vincenzo toppi ristorante amor mio
bauletto di scarole vincenzo toppi ristorante amor mio
alici marinate maionese alghe german scalmazzi la rotonda
alici marinate maionese alghe german scalmazzi la rotonda

 

San Giuseppe Salt di Angela D’Esposito

Ti cucino io per le feste

L’event planner di ti cucino io per le feste Angelina D’Esposito ha proposto la San Giuseppe Salt, una zeppola di San Giuseppe rivisitata, una versione salata con uno choux classico, chutney di pomodorino del piennolo giallo del Vesuvio, vegan cheese di pomodoro San Marzano dop affumicato. Come decorazione una bella Tulle di parmigiano reggiano green.

Devo dire un piatto molto interessante e tra le cose più buone che ho assaggiato durante la serata.

Come una fresella di Luigi Destino

Destino Ristorante espressioni rurali

Come una fresella in pratica è una cartellata melfitana (ci tengono a dire gli chef) con broccoli, paté di fegatini di pollo, arancia candita e caciocavallo. Il piatto è del ristorante Destino Espressioni rurali, l’ex grotta azzurra che si trova nel Parco del Vulture a Melfi. Un piatto particolare, con diverse consistenze, interessante.

Come una pasta e fagioli

Ristorante Corbezzoli

Come una pasta e fagioli è una rivisitazione di uno dei miei primi piatti preferiti dello chef Giuseppe Tarantino del ristorante Corbezzoli di Bologna.

Una versione scomposta della pasta e fagioli, con una sifonata sul fondo, un chip di culatello ed un biscotto al parmigiano come topping. Interessante.

Bauletto di scarole di Vincenzo Toppi

Ristorante amor mio

Lo chef Vincenzo Toppi del ristorante Amor mio di Brusciano che giocava in casa, ha proposto un bauletto di scarole con crema di cannellini al lardo e timo profumato alle nocciole di Giffoni. Davvero un piatto buonissimo e molto bilanciato.

Mini mazzancollarol

Ristorante Mamma Elena

Il ristorante Mamma Elena di San Giuseppe Vesuviano ha proposto una tapas chiamata mini mazzancollaroll, ossia un panino al burro con mazzancolle al vapore, una salsa segreta che non hanno voluto svelarci e polvere di alghe. Interessante.

Le alici di German Scalmazzi

Ristorante La Rotonda

Lo chef German Scalmazzi del ristorante la Rotonda di Porto Recanati ci ha proposto un piatto ben impiattato a base di alici, maionese di alghe. burro ed alici ed una cipolla crispy che ci stava molto bene.

Il mare in un boccone di Vincenzo Ferro

Country House l’Antica Fraconia

Il titolo di piatto più bello dal punto di vista creativo della serata spetta sicuramente al mare in un boccone, una creazione dello chef Vincenzo Ferro, che propone sicuramente una cucina raffinata con una rivisitazione dei piatti del territorio avellinese.

Polipo e polipo di Luca Fattoruso

Azienda agricola il Privilegio

Luca Fattoruso dell’azienda agricola il Privilegio di Angri, ci ha proposto un piatto chiamato polpo e polipo, un piatto a base di polpo arrosto che è una sua specialità

Tulipe di brisè

Ristorante la Locandiera

Lo chef Gaetano Cerciello del ristorante La locandiera di Serino, ci ha presentato una Tulipe di Brise, tartare di tonno rosso al gin, maionese al latte di soia e spuma di avocado al burro. Anche questo un piatto molto gustoso che ho apprezzato moltissimo.

Mont blanc rivisitato

Ciro Maiorano

Come dolci ne ho assaggiati diversi, ma uno mi ha colpito particolarmente.

Sto parlando del Mont Blanc rivisitato del pastry chef Ciro Maiorano , un bravissimo maestro pasticciere, che ci ha proposto un mont blanc con la classica meringa, ma rivisitato con una crema di marroni ed una leggera crema chantilly, davvero buonissimo.

In conclusione un evento da ripetere

tommaso foglia pastry chef insieme per il dormitorio brusciano
Tommaso foglia pastry chef insieme per il dormitorio Brusciano

In conclusione posso dire che è stata una bella manifestazione sicuramente da ripetere e alla quale ci tornerei, perché ben organizzata e con proposte interessanti.

Finchè l’obiettivo non sarà raggiunto sono certo che gli organizzatori continueranno su questa strada che mi sembra molto azzeccata.

Importante il fatto che la stampa possa entrare prima. Mi scuso infatti con altri chef che non ho citato perché alcuni non erano ancora pronti quando siamo passati per gli assaggi e quando la struttura è stata aperta al pubblico si è creata troppa calca che non ci avrebbe permesso di discutere del piatto con lo chef.

Sarà sicuramente per la prossima volta, ma complimenti  a Miriam, al parroco Don Salvatore, a Gennaro Lancellotti ed al mio amico Tommaso Foglia per la splendida organizzazione, che sicuramente avrà portato linfa vitale al progetto per la costruzione a Brusciano di un dormitorio per i senza tetto.

Io stesso ho voluto contribuire pure avendo il pass pagando il biglietto come tutti gli altri, in queste occasioni mi sembra più che giusto.

Quando chef come Tommaso Foglia, pastry chef dell’anno 2022 si prestano ad opere di beneficenza del genere si può solo applaudire, perché fare del bene soprattutto per personaggi televisivi come lui è sinonimo oltre che di bontà anche di grande umiltà.

Complimenti a tutti ed arrivederci all’anno prossimo.

 

Contenuti riservati a Cinque gusti