Cerca
logo cinque gusti

Zuccheri: a cosa servono e come evitare di assumerne troppi

Di cosa parla questo articolo

Gli zuccheri sono carboidrati semplici, sostanze organiche composte da carbonio, idrogeno e ossigeno. Sono presenti in molti alimenti e possono essere di diversi tipi. Sono una fonte primaria di energia per il corpo. Vengono assorbiti nel flusso sanguigno dopo la digestione e forniscono energia immediata alle cellule. Tuttavia, un consumo eccessivo può portare a problemi come l’aumento di peso, l’instabilità del livello di zucchero nel sangue e l’aumento del rischio di sviluppare malattie croniche come il diabete di tipo 2.

In quest’articolo, scopriremo nel dettaglio quale ruolo svolgono gli zuccheri nel nostro corpo e in che modo stare attenti a non esagerare quotidianamente con l’assunzione di questo tipo di carboidrati.

Le varie tipologie di zuccheri

Ci sono diversi tipi di zuccheri utilizzati in cucina e nell’industria alimentare, ognuno con caratteristiche specifiche. Ecco le varietà più comuni:

  • Saccarosio: è il più comune e conosciuto. Deriva dalla canna da zucchero o dalla barbabietola da zucchero. È utilizzato in numerose preparazioni dolciarie, dal caffè alle ricette da forno. Esiste anche in varie forme come zucchero semolato, zucchero a velo, zucchero di canna, etc.
  • Zucchero di canna grezzo: ottenuto dalla canna da zucchero senza essere sottoposto a raffinazione come lo zucchero bianco. Ha un colore più scuro e un sapore leggermente diverso.
  • Zucchero di cocco: prodotto dall’essiccazione e dalla polverizzazione della linfa del fiore di cocco. Ha un basso indice glicemico rispetto allo zucchero bianco.
  • Zucchero di frutta: è ottenuto dalla fruttosio o dal glucosio presente naturalmente nei frutti. Viene utilizzato per dolcificare alcuni alimenti e bevande.
  • Zucchero di betulla (xilitolo): Un sostituto dello zucchero derivato dalla corteccia di betulla. Ha meno calorie dello zucchero comune e un indice glicemico inferiore.
  • Sciroppo d’acero: prodotto dal succo degli alberi di acero, ha un sapore distintivo e viene spesso usato come dolcificante naturale.
  • Melassa: ottenuta dalla canna da zucchero, è un sottoprodotto della raffinazione dello zucchero. Ha un sapore intenso e viene utilizzata in alcune ricette dolci e salate.

Differenze tra zuccheri semplici e zuccheri complessi

Gli zuccheri semplici sono costituiti da molecole più piccole e sono rapidamente digeriti e assorbiti dal corpo. Si trovano principalmente in alimenti come il glucosio (presente nel miele e nella frutta), il fruttosio (presente nel miele e in frutta come mele e pere), il lattosio (lo zucchero del latte) e il saccarosio (il comune zucchero da tavola). Possono dare energia rapida, ma se consumati in eccesso possono contribuire ad aumentare il rischio di problemi di salute come l’obesità e il diabete.

Gli zuccheri complessi, invece, sono costituiti da catene più lunghe di zuccheri semplici, legate tra loro. Si trovano in alimenti ricchi di amido e fibre, come cereali integrali, legumi, verdure e alcune tipologie di frutta. A differenza degli zuccheri semplici, gli zuccheri complessi richiedono più tempo per essere digeriti e assorbiti dall’organismo. Ciò significa che rilasciano energia gradualmente nel corso del tempo, offrendo una fonte di combustibile più duratura e stabile per il corpo. Questo può aiutare a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e a fornire energia costante.

Una dieta equilibrata dovrebbe includere principalmente zuccheri complessi derivanti da cereali integrali, verdure, legumi e frutta, perché offrono nutrienti essenziali oltre a fornire energia. Limitare il consumo di zuccheri semplici, specialmente quelli aggiunti artificialmente in alimenti trasformati, può aiutare a mantenere una dieta più sana e bilanciata.

La funzione degli zuccheri nel corpo umano

Sebbene molti nutrizionisti facciano passare il messaggio che gli zuccheri siano problematici a prescindere e la loro assunzione andrebbe completamente abolita, in realtà essi svolgono diverse funzioni importanti nel corpo umano:

  • Forniscono energia: gli zuccheri sono una fonte primaria di energia per il corpo. Sono convertiti in glucosio, che viene assorbito dalle cellule e utilizzato come combustibile per produrre energia.
  • Sostengono il metabolismo: il glucosio è essenziale per il metabolismo. È coinvolto in molte reazioni chimiche all’interno delle cellule per produrre energia.
  • Sintetizzano le molecole: gli zuccheri sono utilizzati nella sintesi di altre molecole essenziali, come gli acidi nucleici (costituenti del DNA e dell’RNA) e i lipidi (grassi).
  • Creano riserva energetica: gli zuccheri in eccesso vengono immagazzinati nel corpo sotto forma di glicogeno nei muscoli e nel fegato, agendo come riserva di energia.
  • Supportano le funzioni cognitive: il cervello richiede un adeguato apporto di glucosio per funzionare correttamente. È la sua principale fonte di combustibile.
  • Regolano la temperatura corporea: L’energia derivata dagli zuccheri aiuta a mantenere la temperatura corporea.

Nonostante questi benefici, è sempre importante ricordare di consumare gli zuccheri in modo equilibrato. L’eccesso di zuccheri semplici può portare a problemi come l’obesità, il diabete di tipo 2 e altri disturbi metabolici. Pertanto, una moderata quantità, preferibilmente derivante da fonti naturali come la frutta, può essere inclusa in una dieta equilibrata.

Gli effetti negativi dell’eccesso di zucchero nel corpo

Gli zuccheri, se consumati in eccesso, possono avere un impatto significativo sulla nostra salute. Sebbene siano una parte importante della nostra dieta, un consumo eccessivo può causare diversi problemi. Ecco perché è essenziale comprendere gli effetti negativi degli zuccheri sulla salute:

  • Aumento del peso: quelli presenti in bibite gassate, dolci, biscotti e altri alimenti processati, sono ricchi di calorie ma poveri di nutrienti. Il consumo eccessivo di queste fonti di zucchero può portare ad un aumento di peso e all’obesità.
  • Rischio di malattie cardiache: un’elevata assunzione di zuccheri può influenzare negativamente i livelli di colesterolo nel sangue. Gli zuccheri possono aumentare i trigliceridi e ridurre il colesterolo “buono” (HDL), aumentando così il rischio di malattie cardiache.
  • Diabete di tipo 2: il consumo eccessivo di zuccheri può contribuire allo sviluppo del diabete di tipo 2. Questo avviene perché gli zuccheri possono influenzare la resistenza all’insulina e la capacità del corpo di regolare i livelli di zucchero nel sangue.
  • Danneggiamento dei denti: gli zuccheri possono essere dannosi per la salute dentale. Il consumo eccessivo può favorire la formazione di placca batterica, aumentando il rischio di carie e malattie gengivali.
  • Infiammazione: un’elevata assunzione di zuccheri può contribuire all’infiammazione nel corpo, che a sua volta è collegata a numerose malattie croniche, comprese quelle cardiache, l’obesità e alcune condizioni autoimmuni.
  • Dipendenza: gli zuccheri possono creare dipendenza. L’assunzione regolare può portare a un ciclo di dipendenza e desiderio di ulteriori quantità di zucchero.
  • Effetti sullo stato d’animo: anche se temporaneo, un consumo eccessivo di zuccheri può provocare picchi e cali improvvisi nella glicemia, influenzando lo stato d’animo e aumentando l’ansia e l’irritabilità.

Per mitigare questi effetti negativi, è consigliabile ridurre il consumo di zuccheri aggiunti e preferire fonti naturali di zucchero, come la frutta fresca. Leggere attentamente le etichette degli alimenti può essere utile per identificare e limitare il consumo di zuccheri nascosti. Optare per uno stile di vita sano e una dieta equilibrata può aiutare a ridurre i rischi associati al consumo eccessivo di zuccheri, contribuendo al mantenimento di una salute ottimale.

Dolcificanti: l’alternativa agli zuccheri

I dolcificanti vengono utilizzati da persone che desiderano ridurre il consumo di zucchero per motivi di salute, diete specifiche o per controllare il peso. Tuttavia, è importante utilizzarli con moderazione poiché alcuni possono avere effetti collaterali come disturbi gastrointestinali o un sapore residuo. Consultare un professionista sanitario è consigliato prima di apportare modifiche significative alla propria dieta.

Esistono diversi tipi di dolcificanti, ognuno con caratteristiche specifiche:

  • Dolcificanti artificiali: sono prodotti chimicamente e sono molto più dolci dello zucchero. Esempi comuni includono aspartame, sucralosio, acesulfame K e ciclamato. Sono a zero o a basso contenuto calorico e spesso utilizzati in bevande dietetiche e alimenti a ridotto contenuto calorico.
  • Zuccheri alcolici (o polioli): sono naturali e si trovano in alcune piante e frutti, ma vengono spesso prodotti artificialmente per l’uso alimentare. Esempi sono xilitolo, eritritolo, sorbitolo e mannitolo. Hanno un sapore dolce e vengono utilizzati in molti prodotti senza zucchero. Anche se contengono calorie, il loro impatto sul livello di zucchero nel sangue è inferiore rispetto allo zucchero.
  • Stevia: ottenuta dalla pianta Stevia rebaudiana, la stevia è un dolcificante naturale e non calorico. Il suo estratto è molte volte più dolce dello zucchero. Viene spesso utilizzata come alternativa naturale ai dolcificanti artificiali.
  • Monk Fruit (o frutto del monaco): derivato dal frutto del monaco, è un altro dolcificante naturale senza calorie che è molto dolce.

Se sono migliori dello zucchero dipende dall’uso specifico e dalle preferenze individuali. Possono essere utili per le persone con diabete o per coloro che vogliono ridurre l’assunzione calorica. Tuttavia, alcuni studi hanno sollevato dubbi riguardo agli effetti a lungo termine di alcuni dolcificanti artificiali sulla salute metabolica e intestinale. Si consiglia sempre di utilizzare dolcificanti con moderazione e di adottare una dieta equilibrata. La scelta del dolcificante dipende dalle esigenze personali e dalla tollerabilità individuale.

Zucchero e buon umore

La relazione tra il consumo di zuccheri e l’umore è un argomento complesso. Il consumo di zuccheri può aumentare temporaneamente i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore coinvolto nel regolare l’umore e la sensazione di benessere. Questo può generare una sensazione di piacere o “boost” temporaneo dell’umore. Quando si mangiano zuccheri semplici, il corpo produce insulina per regolare i livelli di glucosio nel sangue. Questo può portare a una temporanea sensazione di aumento dell’energia o di miglioramento dell’umore. Tuttavia, tale aumento è spesso seguito da una successiva diminuzione degli zuccheri nel sangue, che può causare stanchezza e irritabilità.

Alcune persone potrebbero sperimentare una sorta di dipendenza dagli zuccheri, cercando il comfort e il sollievo dallo stress attraverso il consumo di cibi dolci. Questo può influenzare positivamente l’umore a breve termine ma può causare una dipendenza da zuccheri a lungo termine. Tuttavia, è importante notare che gli effetti positivi a breve termine possono essere seguiti da una sensazione di affaticamento o irritabilità quando i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono. Inoltre, l’eccesso di zuccheri può contribuire a problemi di salute come l’obesità, il diabete e i disturbi metabolici, che a loro volta possono influenzare negativamente l’umore e il benessere generale.

Una dieta equilibrata, che include zuccheri provenienti da fonti naturali come frutta, cereali integrali e limita l’assunzione di zuccheri aggiunti, può contribuire al mantenimento di un umore stabile e una buona salute generale. La moderazione è la chiave quando si tratta di consumare zuccheri.

cuochipedia enciclopedia degli chef
Cuochipedia è il primo social dedicato esclusivamente ai cuochi ai pasticcieri e ai pizzaioli per promuovere i propri prodotti

Clicca qui per iscriverti
marco ilardi direttore artistico rassegna letteraria book wine and food
Rassegna letteraria Book Wine and food direttore artistico Marco Ilardi
marco ilardi direttore cinque gusti giudice campionati italiani di pizza doc
Marco Ilardi direttore di Cinque gusti giudice dal 2021 dei campionati mondiali di pizza DOC
marco ilardi autore la spunta blu
Leggi La spunta blu il nuovo libro di Marco Ilardi
marco ilardi autore del libro digital food
Leggi Digital food il libro del direttore Marco Ilardi con nuove idee tecnologiche per tutti gli addetti del settore Horeca
come diventare cuoco professionista
Cerchi lavoro in cucina? Scopri le offerte lavorative per cuochi
ricetta carbonara cannavacciuolo marco ilardi e lino d' Angiò
Vi presentiamo Giovannino Caccavacciuolo e la sua ricetta segreta della carbonara guarda la videoricetta dello chef
libro marco ilardi
Digital Food il libro di Marco Ilardi
marco ilardi premio cinque stelle oro cucina italiana associazione italiana cuochi
Il nostro direttore Marco Ilardi premio cinque stelle d'oro della cucina italiana 2023 della Associazione Italiana Cuochi
microkast il podcast di marco ilardi
Segui MicroKast il podcast di Marco Ilardi su food marketing e tecnologia
Potrebbe interessarti anche
Contenuti riservati a Cinque gusti